#iorestoacasa e la igienizzo… così!

Spolverare non basta: per eliminare dalle superfici anche i germi occorrono altri metodi. Scopri come disinfettare alla perfezione la tua casa senza danneggiare le mani.


Sai cosa significa sanificare un ambiente? Significa rimuovere non tanto lo sporco visibile, quanto i microrganismi patogeni che vi si possono annidare. In particolare i virus che sono in grado di resistere per molto tempo sulle superfici, persino qualche giorno.

Come fai le pulizie di casa? Attenzione, perché non tutti i detergenti sono pure in grado di eliminare i microbi e disinfettare alla perfezione. Passare l’aspirapolvere sui pavimenti non basta, così come non è sufficiente un panno inumidito per rimuovere i germi dal piano della cucina, dal pavimento del salotto o dalle mensole della cameretta dei bambini.

Una corretta igiene domestica si basa su indicazioni molto semplici da mettere in pratica. L’unico inconveniente riguarda… la tua pelle. Eh sì, perché lavare, pulire e sanificare sono operazioni che comportano l’uso di prodotti un po’ aggressivi e sostanze potenzialmente irritanti, capaci di danneggiare la barriera cutanea delle tue mani.

Innanzitutto, quando utilizzi candeggina e altre soluzioni disinfettanti, fallo sempre usando i guanti. Acquistali ipoallergenici perché, ricorda, il lattice e la plastica  – di cui questi accessori normalmente sono fatti –  possono seccare le tue mani e privarle della loro naturale protezione.
Senza contare le mille volte che te le dovrai lavare con acqua e sapone!
La conseguenza? Pelle screpolata, arrossata e ruvida, vulnerabilità alle piccole ferite e ai germi nocivi, sensibilità al caldo e al freddo più marcata.

Ma niente paura! Preservare l’integrità e l’idratazione delle tue mani è facile: ti basta applicare una crema riparatrice all’acido ialuronico per restituire loro morbidezza, setosità ed evitare la progressione del danno.

La parola d’ordine, insomma, è idratare. E ora, via con le grandi pulizie domestiche!

PRIMA REGOLA: PULISCI COME AL SOLITO

Si può disinfettare una superficie solo dopo aver rimosso lo strato di sporcizia superficiale. Pertanto, la prima cosa da fare è pulire casa con l’aspirapolvere, gli abituali detergenti per pavimenti, per i bagni e via discorrendo. Puoi usare prodotti naturali e green, come il bicarbonato di sodio, il sapone di Marsiglia e l’aceto. Dopo aver lustrato e risciacquato tutto, potrai passare alla fase B: la sanificazione.

DISINFETTA CON L’ALCOL

L’alcol, come sai, è un eccellente disinfettante, poco costoso e molto efficace nel far piazza pulita di germi di ogni tipo, virus inclusi. Devi procurarti alcol etilico al 70%, e per creare una buona soluzione igienizzante ti servono tre parti di alcol e una di acqua. Puoi riempire un secchio o un erogatore a spruzzo, e procedere alla disinfezione. Ricorda di lasciar agire la soluzione alcolica per almeno 60 secondi, prima di risciacquare.

IGIENIZZA CON LA CANDEGGINA

Come sopra, ma in questo caso ti serve della candeggina – ipoclorito di sodio – all’1%. In commercio esistono ottimi disinfettanti a base di candeggina, da usare proprio per le pulizie di casa. Attenzione: dopo aver passato sulla superficie da igienizzare il prodotto, è bene risciacquare evitando, naturalmente, eventuali contaminazioni. Usa perciò sempre i guanti e cambia i panni e le spugnette che adoperi.

USA UN PRODOTTO SPRAY PER LE PICCOLE SUPERFICI

Ne trovi diversi nei comuni negozi oppure on-line, alcuni sono proprio dei presidi sanitari con certificazione. Ma puoi prepararli anche da te nei modi che abbiamo visto, e riempire degli erogatori spray con cui sanificare le maniglie delle porte, inclusa la portiera dell’auto, giocattoli, oggetti vari, la tua scrivania, il comodino ecc.

DISINFETTA TABLET, SMARTPHONE E PC

Sono piccoli, ma incredibilmente contaminati. Molti batteri e virus sopravvivono tenacemente sulle superfici dei nostri dispositivi tecnologici che, quindi, vanno disinfettati accuratamente e spesso. Cosa usare per questa operazione? Non certo la candeggina! Puoi inumidire una salvietta in microfibra con alcol etilico al 70% e strofinarla sul dispositivo. Lascia agire per un minuto, quindi elimina il residuo alcolico con un altro panno umido.

IGIENIZZA I TESSUTI

Nelle nostre case non mancano gli arredi in tessuto – divani, poltrone, pouf – e i complementi quali tende, cuscini, tappeti e copridivani. Sono un possibile ricettacolo di germi, perciò lava in lavatrice o sanifica con il vaporetto ad almeno 70° C i tessuti lavabili e sfoderabili. Stesso discorso per i tappeti, per i quali non è sufficiente una passata di aspirapolvere. I virus, e i microbi in generale, sono sensibili al calore che li distrugge.

L’IMPORTANZA DEI RAGGI UV DEL SOLE

A proposito di calore: sapevi che i raggi UV, specialmente in primavera, sono una potente arma contro i germi? Sono un “disinfettante” e antimicrobico naturale. Pertanto ogni giorno, ma soprattutto quando il sole splende, spalanca le finestre e fai arieggiare, se puoi stendi ed esponi all’aperto la biancheria, le lenzuola e i piumini. Anche stando in casa, cammina o sosta nelle zone in luce, e prenditi tutto il sole che puoi. Ti farà sicuramente bene all’umore 😊