Come realizzare un trasloco passo dopo passo

Ti appresti a fare un trasloco e non sai da dove cominciare? Ecco alcuni consigli pratici per traslocare senza brutte sorprese.


Finalmente hai comprato la casa dei tuoi sogni e sei pronto a trasferirti? Fantastico! Eppure la gioia dell’evento si mescola all’ansia per l’imminente trasloco. Da dove iniziare? Ne so qualcosa, perché proprio qualche settimana fa la mia amica Teresa ha concluso il suo secondo trasloco… e io le ho dato una grande mano! Ti svelo alcuni utili suggerimenti per traslocare step by step.

1. Misura gli ambienti nuovi e i mobili vecchi

Sicuramente è una cosa che hai già fatto approssimativamente quando hai individuato la nuova casa, e in maniera più approfondita nel momento in cui hai avuto le chiavi e hai iniziato a fare i sopralluoghi. Ma è tempo di avere certezze! Prendi le misure e cerca di capire come disporre i mobili che già possiedi. Disegna a terra le strutture, aiutandoti con delle strisce di carta adesiva, in modo da renderti conto degli ingombri reali dei mobili. Se il nuovo appartamento è più piccolo (o più grande) rispetto a quello precedente, questo è un passo necessario.

Le pareti non sono le stesse e potresti aver bisogno di eliminare o aggiungere qualche mobile. Ad esempio, la mia amica Teresa ha dovuto acquistare una cucina nuova e si è disfatta della vecchia cabina armadio che già possedeva. Questo step deve essere eseguito prima ancora di iniziare a preparare gli scatoloni e di dare il via al trasloco vero e proprio. Devi infatti avere ben chiaro quali mobili smontare, quali trasportare e a quali invece rinunciare. Ma è anche un’operazione fondamentale per richiedere un preventivo a una ditta di traslocatori.

2. Inizia a eliminare ciò che non ti serve

La mia amica Teresa ha iniziato a farlo appena firmato il rogito. Ha cominciato dalla cantina, per poi dedicarsi al ripostiglio. Sono luoghi dove in genere, mese dopo mese, anno dopo anno, si accumulano oggetti che non servono o si usano di rado… e ovviamente all’occorrenza non si trovano, perché nascosti da un sacco di altre cose! È poi passata alle camere dei bambini e ai giocattoli, infine ai libri. Un secondo step ha riguardato i vari guardaroba. Approfittando del cambio di stagione, Teresa ha sistemato gli indumenti estivi nelle valigie, ma c’era ancora molto da eliminare. Senza contare le infinite paia di scarpe. Si è poi occupata della cucina: tante pentole, bottiglie, bicchieri e piatti a volontà, insomma un mondo di oggettistica varia.

Cosa ne ha fatto di tutto ciò? Alcune cose le ha gettate perché troppo usurate, molte le ha regalate e altre le ha messe in vendita, online o direttamente in un negozio dell’usato. Con gradualità, senza troppi affanni. Ha fatto lo stesso con i mobili piccoli e grandi che non le sarebbero più serviti.

3. Prepara gli scatoloni

Poco alla volta, Teresa ha preparato gli scatoloni. Non troppo grandi, per agevolare il trasporto. Su ognuno ha scritto un numero con l’indicazione della stanza di destinazione, e contemporaneamente ha appuntato nel dettaglio il contenuto su un’agendina per avere un’idea più precisa. Per imballare e proteggere gli oggetti dagli urti, ha utilizzato ciò che aveva in casa: dei vecchi tappetini, canovacci e tovaglie per avvolgere gli utensili e le suppellettili più fragili. Ma solo dopo aver lavato a fondo ogni cosa, per non ritrovarsi a farlo nel caos della nuova abitazione.

Se non hai nulla che può fare al caso, puoi acquistare del materiale per imballaggio. Inizia ad inscatolare ciò che non utilizzi o usi sporadicamente e, solo all’ultimo, procedi con gli oggetti di impiego quotidiano. A tal proposito, il giorno precedente al trasloco, prepara un piccolo kit con lenzuola e asciugamani, pigiami, spazzolini da denti, un cambio di abiti e biancheria che serviranno nelle prime 24 ore di permanenza nella nuova dimora, onde evitare di andarli a cercare scatola per scatola.

4. Ordina con largo anticipo il nuovo mobilio

In questo errore è caduta la mia amica Teresa! La cucina che aveva visto inizialmente era in pronta consegna, ma quando è andata a confermarla le hanno comunicato che l’avrebbe ricevuta dopo 8 settimane. Un bel guaio. Ha dovuto optare per un’altra cucina che invece le sarebbe stata consegnata in 30 giorni lavorativi. Sapere quando arriva il nuovo mobilio è importante ai fini del trasloco. Occorre fare in modo che le date non coincidano, piuttosto che siano vicine. Impresa non facile, ma neanche impossibile!

5. Richiedi preventivi per i traslochi

Almeno un mese prima del trasloco è opportuno iniziare a chiedere dei preventivi a ditte specializzate. Valuta il servizio, il costo e confrontali con i pro e i contro di un eventuale fai-da-te. Affidarsi a dei professionisti può essere oneroso, ma vi sono numerosi aspetti da considerare. Smontare e rimontare un armadio, ad esempio, non è cosa da tutti e, se lo fai male, può essere un problema. Le ditte di traslochi hanno scale elevatrici e montacarichi per trasportare mobili e oggetti pesanti ai piani più alti, con maggiore rapidità e sicurezza. Lo stesso vale per il trasporto, visto che possiedono dei camion capienti. Un traslocatore, inoltre, imballa ogni mobile e accessorio con materiali ad hoc, così da impedire che possano rovinarsi, graffiarsi o rompersi. Per eventuali incidenti c’è un’assicurazione, alla quale ovviamente contribuisci. Ricordati di valutare e di controllare attentamente i dettagli al momento della stipula del contratto.

Se invece opti per il fai-da-te, quando smonti gli armadi o le cassettiere cerca di non perderne i pezzi: chiavi o viti vanno conservate in una bustina specifica con scritta la destinazione. All’interno del furgoncino che ti farai prestare o affitterai, dovrai mettere innanzitutto i mobili più grandi sul fondo. Per bloccarli al meglio, puoi posizionare davanti le scatole più pesanti, badando bene di mettere sotto quelle che non contengono oggetti delicati. Il restante spazio lo puoi riempire con piccoli mobili e con scatole meno voluminose. Attenzione! Ferma tutto con delle corde per rendere ogni pacco stabile.

6. Quello che puoi, trasportalo prima del trasloco

Ogni volta che vai nella nuova casa prima del trasloco, cerca di portare piccole cose che non pesano tanto e che non adoperi. Ad esempio delle sedie pieghevoli, un tavolino di plastica per il balcone, catalogatori con documenti, mensoline, piccole scatole di soprammobili, detersivi. Puoi sistemarli in cantina, in garage o direttamente nelle stanze. In questo modo eviterai di avere scatoloni ovunque, abbatterai i costi con la ditta di traslochi o il numero di viaggi se farai tu con un furgoncino.

7. Prenditi cura di te

Un trasloco richiede una grande fatica e uno sforzo mentale notevole. Il segreto per evitare lo stress è organizzarsi perfettamente, anticipando tutto il possibile. Questo vale anche per la pulizia della nuova casa, soprattutto se sono passati gli operai.

Ora ti racconto cosa è accaduto alla mia amica Teresa. Per ripulire le macchie di pittura lasciate dall’imbianchino ha fatto ripetutamente utilizzo di detersivi e spugnette abrasive. Il risultato? La pelle si è gradualmente seccata e screpolata. Come se non bastasse, durante il trasloco si è procurata una serie di graffi e taglietti. Per fortuna, ha risolto utilizzando dei prodotti specifici. Per le mani ha scelto una crema con acido ialuronico, un potente idratante, in sinergia con componenti tra cui Glicerolo, Ceramide e Oli naturali. Un trattamento di questo tipo è un toccasana per le mani molto secche, screpolate, danneggiate, irritate dagli agenti esterni e dal freddo. L’acido ialuronico è l’ingrediente base pure della crema che ha usato per la guarigione delle piccole ferite. Un vero must have, ideale da tenere sempre in casa per curare escoriazioni, abrasioni, tagli e persino scottature causate da oggetti roventi (pentole, ferro da stiro e via dicendo).

8. Sistema tutto nella nuova casa

Il trasloco è terminato! Da dove cominciare per mettere tutto a posto? Rifai i letti e sistema l’essenziale per il bagno. Poi inizia a tirare fuori dagli scatoloni gli utensili della cucina: sono infatti i più numerosi e, così facendo, ti libererai immediatamente di un grande intralcio. Subito dopo, organizza gli armadi. I libri e la vetrina del salone possono aspettare il giorno successivo. Se hai organizzato tutto per bene, in 24/48 ore la tua nuova casa sarà pronta. Per concludere dico a te ciò che ogni giorno dicono alle mie amiche che devono affrontare un trasloco: “è dura, ma ce la puoi fare!”

Auguri per la tua nuova casa 😊