7 accorgimenti per rendere sicura la cameretta del tuo bambino

Stai per accogliere in famiglia il tuo primo figlio? O magari stai ristrutturando casa? Ecco come arredare la cameretta per renderla a “prova di bambino”.


La cameretta dei bambini deve avere una caratteristica essenziale: la sicurezza. È tra i luoghi in cui i piccoli trascorrono più tempo, dove dormono (e si svegliano con grandi energie), giocano, esplorano e sperimentano. Ma soprattutto nella fase di crescita, non si rendono conto delle potenziali minacce. Scopri allora le 7 accortezze da mettere in pratica per prevenire i piccoli incidenti domestici.

1. Fissa e blocca i mobili

Quando si decide l’arredamento della cameretta, si tende a scegliere un mobilio colorato e funzionale. Non bisogna però fermarsi a questo! Gli armadi, la libreria e gli scaffali vanno ben fissati al muro ed essere stabili. Il pericolo è che il piccolo si arrampichi e se li faccia cadere addosso. Per i cassetti invece, sono ottimi dei fermi di sicurezza che non ne permettano l’apertura. E per la verniciatura dei mobili, l’ideale sono prodotti atossici.

2. Copri le prese elettriche

I bambini, si sa, sono attratti da quei piccoli fori dietro i quali si potrebbe nascondere chissà quale segreto. Tuttavia, sappiamo quanto le prese possano essere pericolose se lasciate scoperte. La tentazione può essere quella di provare a inserire le dita o degli oggetti sottili, e il rischio di folgorazione è molto alto. La soluzione? Basta mettere dei copri-prese. Attenzione anche a non lasciare prese inserite (ad esempio quelle di una lampada), con il filo accessibile al bambino… sarebbe per lui uno stimolo al gioco e un’occasione per farsi male.

3. Prendi le giuste precauzioni per finestre e tende

Attraverso le finestre si può osservare un mondo nuovo, ma nei primi anni meglio farlo in compagnia dei genitori! Per questo puoi applicare preventivamente dei blocca-finestre. Sono pratici e hanno un costo accessibile. Per ciò che riguarda le tende, evita quelle con le corde che potrebbero catturare l’interesse del piccolo. Giocando infatti, potrebbe inavvertitamente legarsele intorno al collo.

4. Scegli con cura il lettino

Le sbarre del lettino vanno posizionate in modo adeguato ed essere conformi a determinate norme. Sapevi che la distanza tra una e l’altra non deve permettere che i bebè possano inserirvi in mezzo la testolina? Sono utili pure i para-colpi, pensati per proteggere da possibili urti. Man mano che i bambini crescono però, possono impiegare questi supporti morbidi come una scaletta per scavalcare le sbarre e uscire dal letto… quindi, occhio.

5. Acquista dei giocattoli sicuri

Devono essere a norma CE, ovvero fatti con materiali atossici e non solo. Gli occhi del peluche, ad esempio, non si devono staccare facilmente così come le ruote della macchinina, nonostante la pressione. I bambini si mettono in bocca di tutto… e tra gli incidenti domestici che li riguardano, quello del soffocamento da ingestione di pezzi di giochi è il più frequente! Proprio per questo motivo vanno assolutamente tenute alla larga, almeno nei primi anni, biglie o oggetti similari di minime dimensioni. Non bisogna nemmeno porre giocattoli su scaffali alti: potrebbero essere un incoraggiamento ad arrampicarsi per raggiungerli.

6. Ripara gli spigoli

Gli spigoli dei mobili e dei tavoli rappresentano un’insidia enorme per i più piccolini quando corrono, giocano e gattonano. Per ovviare a questo problema, puoi acquistare dei comodi para-spigoli, o in alternativa realizzare qualcosa con cuscinetti e nastro adesivo.

7. Igienizza con prodotti ecologici

Per le pulizie quotidiane è meglio impiegare detergenti ecologici, o comunque evitare quelli con sostanze irritanti per la cute e e le vie respiratorie. Al bando moquette e tappeti (a meno che non siano semplici da lavare) in quanto favoriscono l’annidamento dei fastidiosi acari della polvere. Molto importante far arieggiare la stanza per almeno 10 minuti al giorno. E ricordati di non lasciare mai in giro detersivi, di qualunque tipo essi siano.

Altri suggerimenti

In generale, il consiglio è quello di utilizzare baby monitor per verificare in presa diretta cosa stia facendo il bambino. In questo modo potrai osservarlo da lontano e avere la situazione sotto controllo. Per il resto, è bene avere sempre a portata di mano un piccolo kit di pronto soccorso (da tenere in bagno, lontano dalla curiosità dei piccoli, sotto chiave insieme ai medicinali). Oltre a un disinfettante non alcolico (così non brucia) e a simpatici cerottini, in caso di taglietti, escoriazioni, scottature e irritazioni può essere d’aiuto una crema specifica a base di acido ialuronico. Grazie alle sue proprietà idrofiliche, questo principio attivo facilita una profonda idratazione della pelle favorendone la guarigione.

Missione “cameretta in totale sicurezza” compiuta!