fbpx

5 idee per vacanze alternative, diverse dal solito

[qode_elements_holder number_of_columns=”one_column”][qode_elements_holder_item item_padding=”30px” horizontal_alignment=”left” advanced_animations=”no”]

Quest’anno la solita vacanza? No, grazie! Per te, 5 proposte per notti e soggiorni diversi dal solito.

Ciao, sono il tuo Amico per la Pelle e oggi vorrei parlarti di vacanze alternative.

Dì la verità, il solito soggiorno in Sardegna, in Puglia o nella Riviera romagnola ti ha un po’ stufato? E allora non ti resta che provare mete differenti ma, soprattutto, sistemazioni differenti.

Prendi i miei amici Nico e Anna: loro l’anno scorso hanno realizzato un sogno che coltivavano fin da piccoli, quello di dormire tra i rami, sospesi a qualche metro da terra, godendosi la natura e le stelle. Anche i loro figli non stavano più nella pelle all’idea di “arrampicarsi” per raggiungere il cielo e rifugiarsi in un luogo magico per vivere mille avventure. E così hanno trascorso le loro vacanze in una casa sull’albero in una località ai piedi dei Pirenei. Sì, hai capito bene: una treehouse a ben cinque metri dal suolo! Si sono divertiti da matti. Tutti quanti.

L’unico neo della loro vacanza? Un grosso eritema solare che ha messo fuori gioco Anna per qualche giorno. Se solo fosse stata previdente e avesse messo in valigia un prodotto dall’azione lenitiva e riparatrice all’acido ialuronico… Grazie alla rigenerazione degli strati superficiali della barriera cutanea, la sua pelle lesa sarebbe potuta guarire prima, e meglio. La prossima volta che vorrà vivere la gioia della vacanza senza interruzioni se ne ricorderà, ne sono certo. E si ricorderà che il sole, anche se non si va al mare, c’è sempre e può causare danni. Ecco perché la pelle va protetta con i giusti prodotti solari.

Ma torniamo alle nostre notti alternative. Ecco per te 5 proposte di soggiorno per vacanze diverse dal solito!

[/qode_elements_holder_item][/qode_elements_holder]
casa sull'albero

Casa sull’albero: hai presente quei film americani in cui i bambini amano passare interi pomeriggi nei loro privatissimi rifugi sull’albero nel giardino di casa? Ecco, ora quest’esperienza potrebbe essere alla portata anche dei tuoi figli. Perché che si tratti di agriturismi, costruzioni singole, B&B, hotel o chalet di montagna, di case sull’albero ce n’è ormai per tutti i gusti anche in Italia, dal Trentino Alto Adige alla provincia di Viterbo, dal Piemonte all’Abruzzo, dalle più spartane alle super confortevoli, con tanto di vasca idromassaggio, doccia sensoriale e sauna, abbarbicate su grandi tronchi di quercia, d’abete e chi più ne ha più ne metta. In tutti i casi, qualunque sia la sistemazione prescelta, trascorrere almeno una notte in una di queste strutture immerse nella natura e quasi fuori dal mondo può significare tornare bambini e vivere in prima persona una fiaba; un po’ come quelle con il lupo cattivo, la strega e il bosco incantato.

houseboat casa galleggiante

Houseboat: non ti piace l’idea di dormire tra i rami, ma preferisci stare a contatto con l’acqua? La casa galleggiante può fare al caso tuo! Non storcere il naso, ma piuttosto pensa che, da Londra ad Amsterdam, c’è gente che ci vive (e alla grande!) sulle case sul fiume. A te basterà affittarla presso un’agenzia specializzata, imparare le due o tre manovre di base per condurla lungo il placido corso di un fiume, e prepararti ad assaporare una vacanza a ritmo lento e risultato assicurato: 100% wow.

dormire nel faro sul mare

Faro: tu magari non ci hai mai pensato, ma tanti altri italiani sì. E infatti se vuoi provare questo tipo di esperienza alternativa ti conviene fare in fretta, perché passare la notte in un faro sta prendendo sempre più piede. A differenza della houseboat, la lighthouse è consigliata più per una romantica fuga d’amore che per una vacanza in famiglia. Ci sono molti siti dedicati, basta una ricerca veloce sul web per trovare decine di strutture in cima a scogliere meravigliose, dalla Croazia all’Irlanda, ma anche lungo alcune coste italiane, un tempo preziosi punti di riferimento per capitani e marinai, oggi invece trasformate in appartamenti in affitto con vista mozzafiato su una tavola blu.

stanza costruita in una chiesa

Chiesa: ti sembrerà blasfemo, ma non è così. E dormire in chiesa, pratica che sta prendendo piede soprattutto in Inghilterra, ha un nome preciso: “church camping” o, abbreviato, champing. Oggi ci sono decine di B&B, ostelli, boutique hotel e agriturismi sorti all’interno di bellissime chiese sconsacrate, ma anche monasteri, conventi e cattedrali. Molte strutture sono state ristrutturate e riadattate, così da ottenere camere private, mentre in altre si dorme all’interno delle piccole celle originali dei frati. In altre ancora, infine, niente stanze e comfort ma una serie di brande da campo allestite all’interno delle navate, così da mantenere fede non solo alla struttura originaria ma anche al vero spirito del champing.

tenda moderna

Glamping: il champing, quello vero, è un po’ troppo per i tuoi gusti? Puoi sempre optare per qualcosa di meno irriverente ma molto hipster. E il glamping, cioè il campeggio a cinque stelle, lo è. Niente a che vedere con docce all’aperto, wc in comune e tende canadesi che solo a montarle ti viene l’orticaria. Il glamping è la soluzione giusta per mixare desiderio di natura e comfort all’interno di bungalow, cottage e lodge arredati con stile e, volendo, super accessoriati.

[social_share_list]