L'angolo della pelle

— Conoscere la pelle strato dopo strato

La pelle è come un biglietto da visita perché dice molto su di te. Per averla sempre perfetta e occupartene nel modo giusto, devi però conoscerla a fondo.


La pelle è il più grande organo del corpo umano, in quanto lo ricopre totalmente. Ciò che vedi e tocchi è esclusivamente la sua parte superficiale, ma per prendertene davvero cura occorre per prima cosa scoprire le sue numerose funzioni, strato dopo strato. La pelle ti protegge infatti da agenti patogeni e irritanti nonché dagli urti, aiuta a controllare la temperatura corporea ed è attraverso di essa che provi le sensazioni di caldo, freddo e dolore.

Gli strati principali di cui è composta sono 3:

  • Epidermide
  • Derma
  • Sottocute o ipoderma

Ciascuno, è a sua volta composto da ulteriori substrati con il proprio ruolo specifico.

Epidermide

L’epidermide è lo strato più esterno della pelle, quello visibile a occhio nudo. Ti difende dagli agenti esterni come virus, batteri, vento, gelo, sole. In alcune aree è più sottile (ad esempio sulle palpebre), mentre in altre è più spessa (sotto i piedi). È costituita inoltre da diversi strati sovrapposti, e da differenti tipi di cellule in continua evoluzione. Tra le cellule dell’epidermide ci sono anche i melanociti che ne determinano il colore.

Derma

Si trova sotto l’epidermide ed è sede di collagene, elastina, vasi sanguigni e follicoli piliferi (ovvero le strutture biologiche formate dai peli e dalle elative guaine).  È lo strato più spesso. Le fibre sono tenute insieme dall’acido ialuronico, una sostanza capace di trattenere grandi quantità di liquidi e quindi utile non solo per l’idratazione, ma per il volume e la compattezza dei tessuti. Nel derma si trovano le ghiandole sudoripare e numerose terminazioni nervose che permettono di percepire sensazioni legate al tatto, al dolore, al caldo e al freddo. Tale strato è dunque prezioso per regolare la temperatura corporea e per la produzione dei grassi che mantengono la pelle ben lubrificata ed elastica. Ed è qui che si hanno i danni maggiori dovuti all’età, in grado poi di ripercuotersi sul tuo aspetto esteriore.

Sottocute o ipoderma

È caratterizzato da un tessuto connettivo vascolarizzato e da tessuto adiposo. Contribuisce a mantenere stabile la temperatura del corpo e protegge da eventuali urti i muscoli, le ossa, i legamenti e i tendini, un po’ come farebbe un “cuscinetto”.

Come prendersi cura della pelle

Ora che sei a conoscenza dei vari strati che compongono la cute, ti sarà sicuramente più facile preservarne la salute e la bellezza, scegliendo i prodotti più adeguati. Questo ovviamente non può prescindere da una buona beauty routine quotidiana: ecco come impostarla, passo dopo passo.

  • Detergi. La mattina e la sera rimuovi i residui di trucco, smog, sudore, sebo in eccesso. La detersione contribuisce pure a eliminare le cellule morte che rendono la pelle spenta e opaca. Ogni 7-15 giorni, per favorire questo passaggio, puoi eseguire un leggero scrub.
  • Idrata.
    L’idratazione è fondamentale per mantenere morbida, elastica e luminosa la pelle del viso, costantemente esposta all’aggressione degli agenti esterni e allo “sguardo del mondo”. Per contrastare la disidratazione e i segni del tempo, puoi applicare un’emulsione fluida a base di acido ialuronico, con Oxygeskin ed estratto di zenzero. L’acido ialuronico stimola i naturali processi di rigenerazione, Oxygeskin protegge le cellule dallo stress ossidativo e lo zenzero dagli effetti nocivi dell’inquinamento. Accertati che la formulazione contenga filtri UVA-UVB per schermare la cute dai raggi solari, responsabili di molti danni soprattutto nei mesi estivi.
  • Mangia bene. Una dieta ricca di frutta e verdura, e dunque di vitamine e sostanze antiossidanti, sarà di aiuto all’intero organismo, cute in primis.

Hai già preparato tutto l’occorrente per “coccolare” la tua pelle?