Pulire il forno senza fatica si può! Ecco come

Vuoi sgrassare il forno velocemente evitando di stancarti troppo, ma non sai da dove iniziare? Segui alcuni preziosi consigli che potranno esserti di grande aiuto.


Esistono metodi efficaci, non molto faticosi e magari green per pulire il forno? La risposta è sì, e sono qui per suggerirteli. Per eliminare lo sporco hai davvero tante possibilità, sta a te scegliere quale.

La versatilità di questo elettrodomestico ti permette di sfornare piatti prelibati che fanno sempre un gran figurone, o semplicemente di riscaldare pietanze già pronte. La mia amica Grazia ad esempio non può più farne a meno: quando ha del tempo libero dà sfogo alla sua creatività in cucina preparando nuovi piatti, ma lo adora anche nella quotidianità. Preferisce infatti la cottura al forno perché più sana e leggera.

Tuttavia, il forno necessita di una pulizia accurata e approfondita. Incrostazioni dovute agli schizzi di sugo o di grasso sono all’ordine del giorno e con il tempo si accumulano sulle pareti. E se non è pulito a dovere non solo emana cattivi odori, si potrebbero addirittura alterare i sapori del cibo. Come sgrassarlo quindi?

Tra le opzioni più comuni ci sono i numerosi prodotti specifici che puoi reperire facilmente in un qualsiasi supermercato. Se invece cerchi un’alternativa più sostenibile per l’ambiente e più salutare per te, puoi optare per dei rimedi naturali! Semplice no? Ma vediamo un po’ più nel dettaglio come pulire il forno senza sgobbare esageratamente.

Il principale consiglio che ho dato a Grazia è di lavarlo spesso. Non trascurare la pulizia e cerca di non rimandarla, soprattutto se lo utilizzi di frequente. La sporcizia tende a stratificarsi e il rischio è di avere grosse difficoltà a  rimuoverla, e magari di rovinare l’interno per l’eccessivo sfregamento. Ricorda quindi di detergere il forno ogni volta che lo usi! In questo modo, non solo impiegherai pochissimo tempo, ma gli sforzi saranno ridotti al minimo. Non credi?

Come pulire il forno: prodotti chimici o rimedi naturali?

Non c’è dubbio che, negli ultimi anni, la crescente attenzione nei confronti del benessere e dell’inquinamento ambientale ha portato a scelte più consapevoli. Non fa eccezione l’igiene degli elettrodomestici, come appunto il forno. Puoi infatti adoperare un detergente industriale, per cui basta spruzzare il giusto quantitativo su un panno e il gioco è fatto, oppure i classici rimedi della nonna: il bicarbonato, il limone o l’aceto, noti per il loro potere disincrostante, sono tra i più gettonati.

Sicuramente i prodotti da supermercato risultano più pratici perché già pronti all’uso, ma presentano alcune controindicazioni. Sono poco sostenibili e, in quanto chimici, devono essere impiegati con parsimonia per via delle inalazioni e delle tracce che potrebbero lasciare nel forno.

Aceto, limone, bicarbonato per pulire il forno: quale scegli?

Rimedi quali aceto, bicarbonato e limone sono completamente naturali, quindi privi di pericoli per te e per l’ambiente che ti circonda. Vuoi utilizzare il limone? Ti sarà sufficiente una soluzione con un dito di acqua e il succo di 3 limoni: dopo averla travasata in una teglia messa nel forno, imposta la temperatura a 180° circa e lascia evaporare. Il preparato, sotto forma di vapore acqueo, andrà a depositarsi sullo sporco, facilitando la pulizia dell’elettrodomestico una volta intiepidito. Se l’unto abbonda, imbevi un panno con la soluzione ancora calda e strofina con forza.

Hai deciso di ripulire il forno con l’aceto? Dovrai allora realizzare una miscela con acqua e un bicchiere di aceto, farla bollire e versarla in una teglia che inserirai nel forno. Accendi a 150° e  attendi che la soluzione evapori. Poi passa un panno bagnato sulle incrostazioni, sempre che la temperatura del forno non sia troppo alta.

E ora veniamo al bicarbonato, decisamente versatile poiché può essere usato per igienizzare gli elettrodomestici, gli alimenti e persino per la cura del corpo. Prepara un composto con del bicarbonato – se vuoi potenziare l’effetto sgrassante aggiungi una piccola quantità di sale grosso e posizionalo nei punti più incrostati del forno. Aspetta che agisca per una trentina di minuti e risciacqua.

Come pulire il forno: ci sono dei rischi?

Pulire bene il forno è un’attività che richiede tempo e una buona dose di energia, a maggior ragione se all’interno sono presenti incrostazioni importanti. In generale, non ci sono grossi rischi a cui potresti andare incontro, a parte ovviamente le scottature! Se non hai lasciato raffreddare il forno a dovere, potresti inavvertitamente scottarti poggiando la pelle su una delle pareti.

Cosa fare? Può essere utile avere a portata di mano una crema a base di acido ialuronico, dalle spiccate proprietà idratanti. Qualora l’ustione fosse più profonda, risulta più indicata una crema a base di acido ialuronico in combinazione con sulfadiazina argentica, un eccellente antimicrobico.

La mia amica Grazia, che si era procurata una piccola scottatura al pollice destro, l’ha subito applicata. E così, oltre a favorire il processo di guarigione dei tessuti, è riuscita pure a prevenire la contaminazione di batteri.

Con i giusti consigli pulire il forno sarà ancora più semplice. Alla prossima!