fbpx

In cucina: ad ogni alimento il suo coltello

[qode_elements_holder number_of_columns=”one_column”][qode_elements_holder_item item_padding=”30px” horizontal_alignment=”left” advanced_animations=”no”]

Ti piace cucinare? Allora questa fotogallery fa per te. Vediamo i vari tipi di coltello per i tuoi menu, da maneggiare con attenzione per non tagliarti.

Ciao, sono il tuo amicoperlapelle.it e oggi vorrei parlarti di coltelli in cucina.

Che siano in acciaio inox, acciaio al carbonio, ceramica o titanio, che abbiano il manico in plastica, legno o acciaio… sono indispensabili e ovviamente lo sai. Che non vadano usati per perforare lattine o aprire scatolette, probabilmente anche questo lo sai, anche se a volte magari lo dimentichi. Che però ce ne sia uno specifico per ogni tipo di pietanza, o quasi, questo magari lo immagini ma non conosci bene i vari utilizzi. Ecco, oggi vorrei parlarti proprio di questo: dei coltelli più tipici e diffusi nella tradizione occidentale e per quali alimenti impiegarli.

L’idea mi è venuta pensando a mia sorella Gloria, che l’altra sera si è fermata a cena da noi e, nel tentativo di rendersi utile in cucina – lei che non è quel che si dice una cuoca provetta – ha pensato bene di mettersi a pelare le patate con una lama seghettata mentre finiva di raccontare gli ultimi pettegolezzi di condominio. Sarà stata l’enfasi messa nel racconto o il coltello non proprio indicato per quel genere di operazione, fatto sta che la poveretta si è procurata un taglio profondo, ci siamo presi un bello spavento.

Alla fine siamo riusciti a medicarle la ferita con del disinfettante, dopo il quale siamo passati all’applicazione di una crema all’acido ialuronico che aiuta a cicatrizzare le ferite e ripristinare il naturale equilibrio cutaneo. La teniamo sempre nell’armadietto delle emergenze e ci troviamo molto bene. L’operazione si è conclusa con un bel cerotto e un sospiro di sollievo collettivo.

La disavventura di Gloria mi ha fatto pensare che per il prossimo Natale ci converrà regalarle non solo un corso di cucina, ma anche un set di coltelli per tutti gli utilizzi. Ok, non saranno gli oltre 50 tipi di coltelli che usano abitualmente in Giappone, ma nel ceppo che riceverà Gloria non potranno mancare i seguenti strumenti:

[/qode_elements_holder_item][/qode_elements_holder]
Coltello da cuoco

COLTELLO DA CUOCO O TRINCIANTE
E’ il vero tuttofare in cucina, nel senso che è il più versatile. Ha una lama lunga anche oltre 20 cm che viene usata per vari tipi di alimenti: trinciare carne e pesce, sminuzzare, affettare e ridurre a cubetti le verdure, tritare le erbe ecc.

Coltello spelucchino

SPELUCCHINO
E’ più piccolo del coltello da cuoco e più facile da maneggiare. Ha una lama lunga attorno ai 10 cm, anche meno, e termina con una punta che può essere ricurva o addirittura aquilina (a becco d’uccello). Si utilizza per sbucciare la frutta e la verdura e per tutti i tagli che richiedono precisione.

Coltello per il pane

COLTELLO DA PANE
E’ grande come un coltello da cuoco ma ha la lama fortemente seghettata, utile per tagliare il pane o in generale alimenti con crosta o buccia spessa (es. limoni, ananas ecc.), così come cibi morbidi con superficie lucida come pomodori, peperoni e melanzane, per evitare di schiacciarli. Mai usarlo con carne e pesce per non sfilacciarli irrimediabilmente.

Coltello per le verdure

COLTELLO DA VERDURE O SANTOKU
Coltello dalla lama lunga poco meno di 20 cm, è leggero, super affilato e sottile, con il manico allineato alla parte alta della lama per un’impugnatura ottimale. Rispetto al coltello da cuoco è più preciso.

coltello per disossare

COLTELLO PER DISOSSARE O SCANNINO
Dalla lama lunga 10-15 centimetri, molto rigida ed estremamente appuntita, serve a separare la carne dalle ossa e ad eliminare pelle e grasso dai tagli di carne e dal prosciutto. La versione flessibile è invece indicata per il pollame. Attenzione: disossare non significa tagliare le ossa, per quest’ultima attività serve un coltello diverso, ben più grosso, spesso e resistente!

Coltello per sfilettare

COLTELLO PER SFILETTARE
La sua lama molto affilata, leggera e flessibile in genere non supera la lunghezza di 20 cm. E’ utile per ricavare fettine sottili e precise dal pollo o dal pesce.

Coltello per l'arrosto

COLTELLO DA ARROSTO O PER CARNI
Dalla lama robusta, lunga ben oltre 20 cm, e dalla punta arrotondata, si usa solitamente in abbinamento al forchettone (set da arrosto) per affettare le carni cotte di maiale, manzo e vitello in modo preciso e senza rovinarle.