Quest’anno scegli le vacanze più belle per tuo figlio

Disneyland o Gardaland? Villaggio o appartamento? Mare o montagna? Quale sarà la vacanza più bella per tuo figlio? La risposta è più semplice di quanto immagini.


Ogni anno cerchi di offrire a tuo figlio la vacanza perfetta, quella che possa divertirlo al massimo, renderlo felice e grato del tuo impegno. Ma quanti dubbi! Quale sarà l’opzione migliore per lui?

Diciamoci la verità, ai bambini piccoli basta poco per divertirsi, mentre per gli adolescenti, perennemente annoiati, sembra non bastare neppure la luna: se gli chiedi cosa vorrebbero fare non ne hanno idea. Oppure fanno una scelta e, una volta in vacanza, sembra che stiano per salire ogni giorno sul patibolo…

Effettivamente una bella vacanza per loro, come pure per noi adulti, significa molte cose. Fine della routine frenetica, alzarsi un po’ più tardi la mattina, fare amicizie, sport e giocare con la sabbia. senza dimenticare il carattere e gli interessi individuali. Il tuo bimbo è un pochino chiuso? Costringerlo a frequentare l’animazione e gli altri bambini del villaggio non renderà migliore la sua vacanza. Per abituarlo ad aprirsi e socializzare non è questa l’occasione.

Tuttavia esistono due paroline magiche che racchiudono concetti speciali in grado di poter far felice ogni bambino o adolescente in vacanza, con un benefico effetto anche su mamme e papà: tempo e condivisione!

La mia amica Rosa ad esempio, la scorsa estate, con la sua famiglia ha fatto il giro dei migliori parchi divertimento d’Italia – Gardaland, Rainbow MagicLand, Leolandia e Zoomarine. Poi ha concluso le vacanze con una settimana in un villaggio turistico al mare, dove c’era una grandiosa animazione per bambini e tante attività sportive. I suoi figli si sono divertiti, erano felici. Al rientro a scuola suo figlio più piccolo si è ritrovato a fare il classico tema: “Racconta il giorno più bello delle tue vacanze”. Indovina cosa ha scritto?

“L’esperienza più bella che ho vissuto in vacanza è stata quella giornata in cui siamo andati a fare un pic-nic in montagna con gli zii e i cuginetti, e i papà hanno giocato a calcio con noi tutto il pomeriggio. Io e Giovanni per correre dietro al pallone siamo anche caduti e ci siamo fatti male. Mi è uscito anche il sangue! Ma la mamma mi ha pulito la ferita e mi ha messo uno spray che porta sempre nella borsa  e che serve a guarire più in fretta. Non so se è stato lo spray o il fatto che mi stavo divertendo troppo, ma non ho pianto e il male mi è subito passato. E così ho ripreso a giocare con papà fino a quando siamo andati via. Non dimenticherò mai quella giornata.”

Ecco. Per rendere felice un bambino in vacanza serve questo: dedicargli del tempo e condividere con lui giochi e attività. Va bene anche un parco divertimenti, ma a patto di salire con lui sulle attrazioni e ridere insieme! Se si sbuccia un ginocchio non c’è problema, si cura. L’importante è che sia felice.

Per i bambini spezzare la routine durante le vacanze significa passare momenti di allegria con mamma e papà facendo qualcosa insieme. Non conta il luogo, quanto la qualità e quantità di tempo che si passa con i genitori, nonché la libertà del gioco. E questo – se ci si lascia andare – può diventare una fonte inesauribile di relax e gioia anche per mamma e papà. Insomma, bisogna tornare un po’ bambini per divertirsi.

Solo questo rafforza il legame tra genitori e figli e soprattutto attiva la memoria sul lungo termine. Il figlio di Rosa veramente non dimenticherà mai quel giorno e lo porterà nel cuore anche quando diventerà papà lui stesso. Non importa dove, ma stare insieme. Provare per credere, parola di Amico per la Pelle.

Ah, dimenticavo! A proposito di spray per il trattamento delle piccole ferite… Quando  sei fuori casa, ti consiglio un prodotto tascabile con acido ialuronico, argento metallico e vitamina E: oltre a favorire la guarigione, aiuta a prevenire le infezioni. Pratico, no?